Auditorium di Roma

La scenografia

 

La Biblioteca Tortora

 

Tangeri, oltre lo sguardo

Nell'ambito della “Settimana del Marocco” (5 – 13 novembre 2005 - una serie di iniziative, manifestazioni artistiche, mostre e rassegne dedicate al grande paese del Maghreb),

l’Archivio dell'Immigrazione ha proposto la Mostra “Tangeri, oltre lo sguardo”: 20 gigantografie su tela di Laura Terzani.

Alcuni nomi di città inducono più di altri al sogno, evocano un immaginario esotico alimentato dalla lettura di tanti romanzi o dalle raffigurazioni contenute in quadri celebri.

Tangeri è uno di questi luoghi: una città che ancor prima di visitare abbiamo conosciuto nei quadri di Delacroix e di Matisse, nei libri di Paul Bowles e di Tahar Ben Jelloun.


Il fascino di Tangeri ha ancora la forza di attrarre nuovi appassionati: sarà la posizione straordinaria, con la casbah su una collina a picco sul mare, la baia che si allarga fino quasi a voler toccare , oltre il capo di Malabata, la rocca lontana di Gibilterra. Sarà il vento battente, che mescola su per i viali l’aria del Mediterraneo e le culture di una storia millenaria.

Sarà la presenza – forse malinconica, spesso grottesca, a volte perfino tenera – di vecchi hippies mai maturati, di anziani artisti in cerca di facili avventure, di ragazze dagli occhi

bruni, capaci ancora di sguardi intriganti …


La Mostra offre soltanto uno sguardo, una prospettiva, uno scampolo di luci e ombre tangerine: ma con la profondità di chi riesce ad andare oltre la superficie delle immagini, a

sognare oltre la cortina del passato, a cogliere il mistero racchiuso nelle vie tortuose, nei vicoli colorati di ocra e azzurro, negli scorci improvvisi. Au delà du regard.

Intervistata dall'Adn Kronos, l'autrice della Mostra, Laura Terzani, ha detto: ''La mostra nasce dalla passione per questo paese che ho scoperto cinque anni fa: in un periodo in cui

si tende a criminalizzare il mondo islamico, bisogna far conoscere la cultura del Marocco in modo da far trasparire la sua vera anima, le altre facce, quelle piu' nascoste di un

popolo che per primo sente il peso del terrorismo e della guerra''.

La Mostra è stata presentata nel 2005 a Roma alla Biblioteca Tortora, all’Auditorium - Parco della musica - in occasione del concerto delle "Mujeres de Tanger" - alla Bottega

della solidarietà, al Centro Luigi Di Sarro (2006) e alla Sala della Provincia di Roma.

 

    Centro Di Sarro

Molti dei teli appartenenti a questa Mostra sono attualmente esposti in permanenza nella Galleria Bab el Kasbah, a Roma.

 

 

  La Settimana del Marocco

                   La locandina

               I teli fotografici

 

 

 

                                    Indietro